Post

LA STORIA DEL COMITATO STOPPA LA PIATTAFORMA

Immagine
PREMESSA
Si avvicinano gli otto anni del Comitato Stoppa La Piattaforma, nato nel Maggio del 2010 per contrastare l'assalto petrolifero delle coste siciliane scoperto dal sottoscritto in un soleggiato giorno di Maggio. Sono centinaia le azioni (osservazioni al VIA, Manifestazioni, audizioni e interrogazioni parlamentari, comitati referendari, inchieste giornalistiche etc) portati avanti in questi anni. Ho deciso quindi, prima che la memoria faccia brutti scherzi di ripercorrere le tappe principali di questo percorso e di tenere traccia in particolare delle opposizioni agli Studi di Impatto Ambientale, che pubblico integralmente nella speranza che possano essere utili a tutti quei cittadini appassionati che vogliano con cognizione di causa opporsi agli appetiti speculativi nel proprio territorio. Voglio raccontare questa storia sopratutto perché è una storia di successo.
Cittadini informati e preparati sono riusciti a rispedire al mittente buona parte delle richieste di trivellazio…

Un appello ai neoeletti. Battetevi per le infrastrutture

Immagine
Una rappresentanza inimmaginabile prima delle elezioni e l'opportunità che spero si realizzi di essere forza di governo.
Il mio appello ai neo eletti, a tutto il M5S e le altre forze politiche che si vorranno unire è di colmare il mostruoso deficit infrastrutturale che concorre in maniera decisiva a rendere la provincia di Agrigento ultima in Italia in termini di economia e qualità degli spostamenti.
Nell'immagine allegata la rete ferroviaria Siciliana, che versa in condizioni disastrose e che andrebbe riammodernata e sopratutto come potete notare non serve la parte centrale della provincia di Agrigento.
La realizzazione di una ferrovia moderna e veloce da Castelvetrano a Porto Empedocle, assieme al riammodernamento, elettrificazione e potenziamento della restante rete ferroviaria siciliana, porterebbe un notevole incremento economico, permetterebbe a migliaia di pendolari di spostarsi in sicurezza senza essere dissanguati dal costo delle automobili e permetterebbe ai turisti di …

STOPPA LA PIATTAFORMA: SCHLUMBERGER COLPITA E AFFONDATA

Immagine
é stato respinto con provvedimento del 2 Novembre 2017, la richiesta per la prospezione di idrocarburi denominata 'd1 G.P.-. SC' proposta dalla Schlumberger. L'area di prospezione proposta era incredibilmente grande, 4209 Kmq a Sud della Sicilia e ad Est di Pantelleria. Secondo le previsioni della società proponente tutti e quei migliaia di chilometri quadrati di mare dovevano essere spazzati con la tecnica di ricerca di idrocarburi che utilizza gli airgun. Gli Airgun generano delle vere e proprie esplosioni multiple cadenzate a pochi secondi l'una dall'altra, che possono durare settimane o mesi e che hanno un impatto devastante sulla vita delle specie che vivono nel Mediterraneo. Col Comitato Stoppa La Piattaforma, assieme a numerosi attivisti ed associazioni ( tra le più attive Greenpeace) , avevamo studiato il progetto di Valutazione Ambientale della società rilevando numerosi motivi per cui tale tipo di ricerca è incompatibile con la flora e fauna del nostro m…

ABUSI, ABUSIVI E DELIRI NORMATIVI

Immagine
Dopo la clamorosa sfiducia al Sindaco antiabusivismo di Licata alcune brevi note per orientarsi nell'intricato universo degli abusi edilizi.



Leggendo le cronache ed i relativi commenti sulla sfiducia al Sindaco di Licata, mi sono reso conto che molti tra gli attori in campo, politici, ambientalisti, giornalisti e gente comune non avessero ben chiaro cosa stesse effettivamente succedendo a Licata e cosa realmente sia il fenomeno dell'abuso edilizio sulla costa siciliana. Intanto sfatiamo un mito, la stragrande maggioranza degli abusi edilizi oggetto delle ordinanze di demolizione di questi giorni non riguardano il cosi detto abusivismo di necessità. Premetto che le ordinanze di demolizione riguardano per la maggior parte immobili a meno di 150 metri dal mare, costruiti nell'arco di tempo che va da metà degli anni 70 al 1985 ed oggetto della più clamorosa, ingarbugliata ed ingiusta sanatoria edilizia che la storia della nostra Repubblica ricordi. In ogni caso, anche se effet…

STOPPA LA PIATTAFORMA: MENO GARANZIE DALLA RIFORMA DEL CODICE DELL'AMBIENTE

Immagine
Ancora meno garanzie per il cittadino con la nuova riforma del codice dell'Ambiente. Il 16 Giugno 2017 il Governo italiano ha varato il d.lgs n°104 che riforma sostanzialmente il Testo Unico dell'Ambiente che regola tra le altre cose anche le procedure per il rilascio della Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Tantissime le novità, dalla durata della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale, alla procedura unica alla rivisitazione delle classi di progetti che possono accedere alla procedura semplificata, etc. Il nuovo corpo normativo è complesso e ci vorrà del tempo per valutare gli effetti nel rapporto coi cittadini e le garanzie per l'ambiente delle nuove procedure, ma una modifica macroscopica salta subito agli occhi e non è bella. Con la vecchia procedura allo Studio di Impatto Ambientale (SIA, Studio che va presentato al Ministero dell'Ambiente per la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale ) era obbligatorio allegare il progetto dell'impianto…

STOPPA LA PIATTAFORMA: VEGA B SI RIAPRE LA PROCEDURA VIA

Immagine
Nuovo termine di Scadenza per la procedura VIA per lo sviluppo
del campo VEGA B di fronte Scicli.



A seguito delle nostre osservazioni che sottolineavano una serie di criticità rilevanti nella documentazione presentata dalla società petrolifera, la Commisione VIA ha richiesto una serie puntuale di integrazioni che riporto di seguito:

La Società ha risposto a queste integrazioni, trovate i documenti al seguente link .
Abbiamo tempo per controdedurre fino al 1° Settembre, guarda caso queste pubblicazioni capitano sempre in periodi feriali.
Vi terremo aggiornati.

DIVAGAZIONI. 21 LUGLIO 1969, LA LUNA E LA FIDUCIA NEL FUTURO

Immagine
21 Luglio 1969, quando nonostante un mondo ingiusto e devastato tutto sembrava possibile.
Quando si poteva nutrire un incrollabile fiducia nel futuro e nella Scienza.
Quando l'uomo poteva con il proprio raziocinio realizzare imprese straordinarie. Sogno di vivere in una società con quell'entusiasmo, quell'ottimismo, quella proiezione verso il futuro, quella straordinaria capacità di superare ogni limite. Ps Se potete seguite il consiglio del dott.Mentana, regalatevi 'Se il Sole muore' della Fallaci. È uno straordinario reportage della corsa alla Luna e sopratutto è uno dei più begli inni all'Uomo e alla vita che abbia mai letto.


uno dei passi più belli de Se il Sole Muore. "Io mi diverto ad avere trent’anni, io me li bevo come un liquore i trent’anni: non li appassisco in una precoce vecchiaia ciclostilata su carta carbone. Ascoltami, Cernam, White, Bean, Armstrong, Gordon, Chaffee: sono stupendi i trent’anni, ed anche i trentuno, i trentadue, i trentatré, i trent…